Tacchino in camicia…

UN INSOLITO TACCHINO

2.jpg

Visto che mi piace sperimentare, (a dispetto dei gusti piuttosto limitati della mia dolce metà) ho voluto provare questa ricetta scovata in non so quale vecchia rivista… Quando ho letto che, tra gli ingredienti, c’erano yogurt e senape (abbinati alla suddetta carne), è stato il momento in cui ho deciso che Fausto e un paio di altri nostri amici avrebbero fatto da cavie all’esperimento… Essssennnnò come faccio a diventare una cuoca provetta? (Comunque sono ancora tutti vivi).

A vederlo, questo piatto, non sembra un “secondo” e quando lo porterete in tavola di sicuro non si risparmieranno gli sguardi interrogativi e piuttosto dubbiosi dei commensali (sguardi che dicono: “Che ci sarà lì dentro?”, “E questo cosè: il contorno??”, “Ma gli antipasti non li avevamo già mangiati?”, “Ci sarà da fidarsi??” ecc. ecc.) Vi dico solo che i miei (di commensali) hanno guardato con diffidenza questi buffi cestini ma poi se li sono “scofanati” in pochi bocconi!

Magda

 

 

 

Ingredienti

  • 120 gr Burro
  • 1 cucchiaino scarso di semi di Cumino
  • 200 gr Farina
  • 2 cucchiai di Olio extravergine  
  • Sale
  • 1 Uovo intero
  • 250 gr di fesa di tacchino
  • 1 cucchiaio di senape
  • 1/2 cipolla
  • 80 gr di yogurt magro
1.jpg

Versate la farina su una spianatoia e aggiungete un pizzico di sale. Unite  100 gr di burro ammorbidito e tagliato a pezzettini  e impastate rapidamente. Quando il tutto inizia a compattarsi, aggiungete 3 cucchiai di acqua fredda e continuate finché non ottenete  una bella “palla” consistente. A questo punto, mettete in frigorifero (coprendo con della pellicola trasparente per alimenti) e lasciate riposare per un’oretta. Trascorso questo tempo di riposo, con l’aiuto di un mattarello tirate la pasta  allo spessore di mezzo centimetro circa; con un coppa-pasta (ma va bene anche un bicchiere piuttosto largo) ritagliate 8 cerchi di pasta e con questi foderate degli  stampini cilindrici svasati (vanno benissimo anche quelli dei muffin…o dei creme – caramel) precedentemente unti con il burro rimasto e fuso.

Riempite con una manciata di ceci secchi (sotto metteteci della carta forno, però!… anni fa l’ho già fatto io l’esperimento di poggiare direttamente i ceci/fagioli sulla base di pasta. Non vi dico il risultato! e fate cuocere per 10 minuti in forno caldo a 180 °C.
Nel frattempo, fate rosolare la fesa di tacchino con l’olio extravergine e la cipolla mondata e tritata, abbassate la fiamma e fate cuocere per 20 minuti. Levate dal fuoco  e frullate. Dal mixer, versate in una capiente ciotola e amalgamate la carne e il suo sugo di cottura con lo yogurt, l’uovo, il parmigiano grattugiato, il cumino, la senape e un pò di sale.

Riempite con questo impasto i cilindri di brisée svuotati e già quasi cotti e ri- passateli per altri 10 minuti in forno caldo a 180 °C.

 

Tacchino in camicia…ultima modifica: 2010-10-31T15:37:00+00:00da fuori_dizucca
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento