Parola d’ordine: pasticciare!

TAGLIATELLE VERDI AL CARTOCCIO

copertina - Copia.JPG

Da quando ho scoperto che la pasta fatta in casa la puoi colorare come vuoi , in funzione di quello che ci metti dentro, mi sono messa a sperimentare i vari impasti…In questo caso, il colore scelto è il verde…gentilmente offerto da un bel pò di erbette fresche fresche trovate al banco della verdura di uno dei tanti fruttivendoli del mercato locale. Mi ha divertito molto anche il modo in cui si servono queste porzioni di  (succosissima) pasta un bel pò pasticciata (continuate a leggere e scoprirete perchè)…Provate anche voi!

Ingredienti:

500 gr di farina  per pasta all’uovo

50 gr di erbette

4 uova

noce moscata

100 gr di pollo

100 gr di pancetta (a fette spesse)

100 gr prosciutto crudo (a fette spesse)

100 gr di funghi

8 gherigli di noci

100 gr di burro

150 gr di mascarpone

1 cipolla

1 bicchiere di vino bianco

sale

pepe

timo fresco

grana grattuggiato

interno - Copia.JPG
Preparare le tagliatelle di pasta fresca all’uovo al solito modo….solo con l’aggiunta di erbette cotte.  In una padella far rosolare la cipolla tritata con il burro e poi aggiungere il pollo, la pancetta e il prosciutto crudo tutti tagliati precedentemente a dadini. Salare e aggiungere un pò di timo fresco. Sfumare con del vino bianco e lasciare cuocere finchè la carne non avrà fatto una bella crosticina. Affettare i funghi che vanno poi aggiunti al ragù di carne quasi pronto, e terminare la cottura per qualche minuto. Far lessare le tagliatelle in abbondante acqua salate per pochi minuti e scolare. Versare la pasta nel sugo di carne e amalgamare bene il tutto. Preparate dei quadrati di carta forno (o fogli d’alluminio) nei quali porzionerete la pasta condita. Aggiungere per ogni porzione un paio di cucchiai di mascarpone, le noci sbriciolate grossolanamente e una bella spolverata di grana grattuggiato. Chiudere i cartocci e infornare a 180° per 10 minuti.
Parola d’ordine: pasticciare!ultima modifica: 2011-05-05T07:00:00+00:00da fuori_dizucca
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento